Uganda, il Paese cresce con il caffè

14929

 Aumenta la produzione, migliora la logistica e di conseguenza gli affari vanno bene, con una ricaduta positiva sui coltivatori e sulla popolazione locale. Buone notizie dall’Uganda del caffè, che per l’anno finanziario 2020/2021 ha registrato il livello più alto dell’esportazione del caffè degli ultimi 30 anni. L’incremento ha raggiunto ben il 47% in più rispetto ai 12 mesi precedenti e, nell’anno conclusosi a giugno, l’Uganda ha esportato 6.078.638 sacchi da 60 kg per un valore di 559,26 milioni di dollari. Ha contribuito a questa straordinaria performance la campagna di coltivazione del caffè, che il Paese ha iniziato nel 2014 distribuendo agli agricoltori oltre 300 milioni di piantine.

Ingresso tra i “big”
Come riporta la rivista Africa, citando fonti istituzionali locali, l’Uganda ha l’obiettivo ambizioso di esportare 20 milioni di sacchi di caffè entro il 2022, contro i circa 6 milioni di sacchi del periodo luglio 2020-giugno 2021. Numeri di questo tipo sancirebbero l’ingresso del Paese tra i “big” del mondo, come Etiopia, Vietnam e Brasile.