Starbucks, un caffè molto speciale. Apre il primo punto vendita per non udenti

3108

In apparenza, sembra un locale uguale ai tantissimi già presenti in ogni angolo del mondo, Milano compresa. Però quella appena aperta a Washington D.C. è una caffetteria Starbucks speciale.
E’ infatti primo “signing store” negli Stati Uniti, il secondo al mondo dopo quello inaugurato un paio di anni fa in Malesia, a Kuala Lampur.
È sorto a pochi passi dall’unica università che offre agli studenti sordi di tutto il mondo la possibilità di imparare la lingua dei segni americana e quella dei segni internazionale, il campus di Gallaudet, con programmi specifici per ragazzi sordi e audiolesi. In questo Starbucks tutto il personale è tenuto a usare la lingua dei segni, e quasi tutto lo staff è sordo.
I non udenti non dovranno più preoccuparsi al momento di essere serviti.

Tutti a proprio agio
“Qui posso usare il mio linguaggio” racconta Rebecca, una cliente. “Negli altri caffè quando ordino devo cercare di capire quando è pronto, ed è difficile. Qui invece il tuo nome appare su uno schermo e questo mi piace molto perché quando il mio ordine è pronto non devo stare attenta e sforzarmi di capire se mi stanno chiamando. Lo vedo direttamente scritto sullo schermo”.