Quale caffè per prevenire il diabete?

19507

Abbiamo già affrontato in passato il legame che esisterebbe tra assunzione di caffè e prevenzione del diabete di tipo 2, una patologia sempre più frequente soprattutto nei paesi industrializzati. Fermo restando che uno stile di vita sano, una corretta alimentazione e attività fisica sono le regole base della salute, pare proprio che l’espresso possa aiutare a contrastare l’insorgere di alcune malattie. Il diabete, in particolare, provoca un aumento di livelli di glucosio nel sangue (iperglicemia): questo accade perché non si produce quantità sufficiente di insulina o perché l’insulina non agisce in maniera corretta.

Il caffè “giusto”
Per quanto riguarda la correlazione caffè-diabete, alcuni studi hanno evidenziato da un lato che la caffeina nel caffè può ridurre l’insulina, portando ad alti livelli di zucchero nel sangue, dall’altro che il caffè abbia diverse proprietà che pare possano abbassare il rischio di insorgenza di diabete 2. Scrive il portale specializzato diabetes.com.uk: “Il caffè contiene diversi prodotti chimici, alcuni dei quali hanno effetti benefici, mentre altri possono avere un effetto meno benefico, come la caffeina che può ridurre l’insulina nel breve termine”. Ecco perché il consiglio è di consumare caffè decaffeinato. Così, per chi soffre o è arriccio di diabete di tipo 2, si avranno solo i benefici e non i potenziali effetti negativi del caffè.