Over 60, ecco perchè il caffè è un’ottima scelta

17285

 Chi l’ha detto che quando si è un po’ più in là con gli anni bisogna rinunciare alla propria tazzina di caffè? Sbagliato: anche quando si diventa “grandi”, assumere la giusta quantità di caffeina non solo è un piacere, ma anche una scelta salutare.  Un buon espresso, infatti, può aiutare a prevenire molte malattie legate all’età, tra le quali diverse patologie cardiache.  Una recente ricerca pubblicata sulla rivista Plos Biology chiarisce quanto la caffeina sia preziosa per la salute del sistema cardiovascolare. Gli studiosi hanno infatti scoperto che la caffeina può attivare una proteina (p27) che mantiene sane ed “elastiche” le cellule endoteliali del cuore, contrastando quindi i rischi di infarto e di arteriosclerosi. Ma ci sono altre buone notizie: la caffeina è un antiossidante naturale, che può aiutare a combattere i danni ossidativi legati all’età, e per questo migliora la salute del cervello tenendo alla larga i possibili deterioramenti cognitivi, la depressione e l’incidenza di ictus. Grazie a queste proprietà, il caffè sarebbe davvero un elisir di lunga vita. 

Quanto berne?
Gli adulti sani non dovrebbero superare le 3-4 tazzine di caffè al giorno per ottenerne solo i benefici senza controindicazioni. Le persone che soffrono di insonnia, invece, dovrebbero consumarne meno – o comunque lontano dall’orario del riposo – oppure in alternativa preferire il caffè decaffeinato. In ogni caso, salvo diverse indicazioni del proprio medico, non c’è nessuna ragione per rinunciare al proprio espresso a tutte le età: anzi!