Mondo caffè: in un libro, tutto su questa invenzione meravigliosa

2679

“Il paradosso del caffè all’italiana è questo, il 97% degli Italiani lo beve ogni giorno, alcuni anche più volte al giorno. Ci riteniamo degli esperti, spesso dei veri intenditori, ma siamo tra coloro che meno sanno che cosa c’è in quella tazzina bollente che trangugiamo in piedi in pochi secondi, spintonati da altri idolatri di un dio che adoriamo al punto da farci pochissime domande su di esso”.
Benvenuti nella lettura di “Mondo Caffè” (questo passo è tratto dall’introduzione), volume appena pubblicato da Cairo che rappresenta una piccola enciclopedia di questa “invenzione meravigliosa” e allo stesso tempo la sfida alla tradizione nazionale, secondo la quale il vero caffè è l’espresso, e stop.

300 pagine alla caffeina
Gli autori sono i bravi giornalisti Andrea Cuomo e Anna Muzio, che in oltre 300 pagine trattano la bevanda alla caffeina e la Coffea, la pianta da cui è tratta, da tutti i punti di vista: da quello botanico a quello economico, senza dimenticare quello medico, storico e godereccio, con una trentina di ricette d’autore e una guida ai migliori locali d’Italia e del mondo.
Il volume è il primo scritto per il mercato italiano ad affrontare in modo davvero “laico” un argomento che nel Belpaese si liquida con toni dogmatici, all’insegna di un pensiero unico che tende a discriminare (bonariamente, ma senza esitazioni) chi non consuma  la nera bevanda nella tazzina piccola. Tutto questo è riconducibile a quello che gli autori scherzosamente (sì, il libro è anche divertente) definiscono “tazzismo”. In realtà il caffè è un mondo in rapida evoluzione, da Melbourne a Seattle, da Tokyo a Parigi. I gusti cambiano, i locali cambiano, i consumatori cambiano. Scommettiamo che dopo aver letto “Mondo Caffè” avrete voglia di provare di più, molto di più?