Lotta alle zanzare “eco”, con il caffè

4631

Non solo citronella, geranio e basilico: la lotta “eco” alle zanzare si fa anche con il caffè. Il suo aroma (proprio come quello delle piante citate sopra) risulta infatti particolarmente sgradito a questi insetti, che notoriamente hanno l’olfatto molto sviluppato.

Fondi di caffè nei sottovasi

La soluzione più semplice per tenere alla larga le zanzare è quella di mettere i fondi del caffè nei sottovasi. Proprio qui si ferma l’acqua stagnante che costituisce l’habitat ideale delle larve delle zanzare. Oltre ad avere l’accortezza di tenere i sottovasi il più possibile asciutti (svuotandoli o evitando di bagnare troppo le piante), è utile mettere in ognuno qualche cucchiaio di fondi di caffè. In questo modo la “nursery” risulterà totalmente impraticabile da mamma zanzare.

Per un effetto repellente particolarmente efficace, è importante sostituire i fondi di caffè ogni 10-15 giorni, in modo da poter contare su aromi intensi. Se le piante sono tante può essere necessario un trattamento più “strong”, che si ottiene mettendo anche chicchi di caffè sulla terra dei vasi. Oltre a tenere lontane le zanzare, il caffè fa bene alle piante perché fornisce nitrogeno (o azoto), uno dei costituenti della molecola della clorofilla.