Irish coffee, una “carica” di energia anche a casa

10602

 Per tenersi un po’ su, in questi giorni casalinghi in cui anche il clima sembra essere più fresco – con serate da “copertina sul divano” – niente di meglio di una bevanda calda e corroborante per tenere alto il morale e il livello di energia. E, come ci insegnano dai paesi anglosassoni, non c’è niente di meglio di un Irish Coffee per unire in un unico bicchiere il buono del caffè, la carica del whiskey e la dolcezza della panna. Questo caffè bollente è il frutto dell’intuizione di Joe Sheridan, barman all’interno dell’aeroporto di Limerick, in Irlanda, che nel 1942 – in piena guerra mondiale – dovette inventarsi qualcosa di corroborante per riscaldare un gruppo di passeggeri intirizziti. Nato per necessità, questo caffè caldo ha poi avuto successo in tutto il mondo.

Si prepara così
La ricetta codificata prevede 4 cl di whiskey irlandese (ma va benissimo quello che avete in casa), 9 cl di caffè espresso, un cucchiaino di zucchero di canna, 3 cl di panna liquida. Nel bicchiere vanno versati il whiskey e lo zucchero, a cui va aggiunto il caffè caldissimo. Alla fine, va unita la panna leggermente montata. L’Irish Coffee va bevuto subito, ben caldo.