Game of Thrones, la tazzina Starbucks e l’importanza dell’imperfezione

7251

I produttori artigianali di tappeti lo sanno bene: la perfezione non è un obiettivo a cui puntare, ma piuttosto una tentazione da evitare, perché solo il Creatore può fare senza sbagliare. E vedere che gli uomini cercano di imitarlo lo può indispettire, pesantemente. Ecco perché la tradizione persiana impone ai produttori di tappeti di commettere qualche piccolo errore, proprio come sanno bene gli showrunner di Game of Thrones David Benioff e Daniel Brett Weiss.

“E’ stato divertente”
Cosa c’entra la tradizione persiana con una delle serie più amate di sempre? Lo stesso Benioff, forse scherzando o forse no, l’ha ricordata spiegando cosa ha portato alla famosa inquadratura in cui sulla tavola di Grande Inverno, durante la quarta puntata, si vede una tazzina Starbucks. “Lasciare lì il caffè è stata una dichiarazione della nostra imperfezione”, ha aggiunto Weiss. Scherzi a parte (o forse no) “Eravamo talmente concentrati – hanno dichiarato i due – che non abbiamo visto quella tazza di caffè in mezzo alla scena. All’inizio non volevamo crederci, ma alla fine è stato divertente”.