Evoluzione hi-tech: Starbucks sceglie Microsoft per il tracciamento del caffè

4440

Starbucks e Microsoft insieme, per tracciare la produzione del caffè dal coltivatore al consumatore, con vantaggi per entrambi e per un mondo più etico. Le due società americane hanno annunciato una partnership incentrata sull’utilizzo dell’Azure Blockchain Service di Microsof, una nuova piattaforma Blockchain-as-a-Service (BaaS) che mira a semplificare creazione, gestione e utilizzo delle reti blockchain da parte delle aziende. L’iniziativa “bean to cup”, dal chicco alla tazza, prevede la collaborazione di Starbucks con gli agricoltori di Costa Rica, Colombia e Rwanda per la realizzazione di un sistema di tracciamento del caffè basato appunto sulla tecnologia blockchain. Il nuovo servizio consentirà ai clienti di monitorare la produzione delle bevande, dando al tempo stesso agli agricoltori nuove opportunità economiche.

Un programma open source
Starbucks sottolinea inoltre che il programma pilota sarà totalmente open source, e che i risultati dell’esperimento verranno resi pubblici. La notizia è stata comunicata ufficialmente durante la conferenza Microsoft Build 2019 di Seattle. Ancora tutta da verificare, invece, è la voce secondo la quale il gigante del caffè potrebbe presto accettare pagamenti in Bitcoin (BTC), in seguito ad una collaborazione con la piattaforma di trading Bakkt.