Ecco il caffè, signore

12632

“Ecco il caffè, signore, caffè in Arabia nato, e dalle carovane in Ispaan portato.
L’arabo certamente sempre è il caffè migliore; mentre spunta da un lato, mette dall’altro il fiore.
Nasce in pingue terreno, vuol ombra, o poco sole. Piantare ogni tre anni l’arboscel si suole.
Il frutto non è vero, ch’esser debba piccino, anzi dev’esser grosso, basta sia verdolino, usarlo indi conviene di fresco macinato, in luogo caldo e asciutto, con gelosia guardato.
A farlo vi vuol poco; mettervi la sua dose, e non versarlo al fuoco.
Far sollevar la spuma, poi abbassarla a un tratto sei, sette volte almeno, il caffè presto è fatto.
Carlo Goldoni