Dal Ruanda il caffè da Oscar

2298

Anche il mondo del caffè ha i suoi Oscar, esattamente come accade nel cinema. Gli ultimi si sono appena tenuti a New York e hanno visto la partecipazione dei migliori caffè del mondo. La manifestazione, giunta alla sua terza edizione, si chiama Ernesto Illy International Coffee Award e premia il meglio del meglio.

The winner is…
Quest’anno il pigliatutto è stata la Ngororero Coffee Washing Station, che dalle montagne del Ruanda si è aggiudicata i due premi in palio dopo una serie di “blind tasting” di una giuria indipendente di esperti e il giudizio di un vasto segmento del pubblico. E’ la prima volta che i chicchi di arabica provenienti da una stessa regione ricevono i due premi: “Best of the Best” e “Coffee Lovers’ Choice”.
Come riporta l’Ansa, “Il caffè della Ngroronero Washing Station, rappresentato alla cerimonia della Rainbow Room da Philotée Muzika, racconta una storia di guerra e pace, genocidio e riconciliazione dopo che nel 1994 oltre 800 mila Tutsi furono massacrati nell’arco di cento giorni dalla maggioranza Hutu. Oggi 400 mila piccoli coltivatori si guadagnano da vivere con il caffè, il cui raccolto l’anno scorso ha fruttato 58 milioni di dollari”.
Alla Ngoronero Washing Station, a cui fanno capo mille coltivatori di cui un terzo donne (il più giovane 20 anni, il più vecchio cento), il caffè si coltiva a 1.600 metri di quota.
Oltre a quello del Ruanda, hanno preso parte alla competizione i migliori caffè selezionati dal Laboratorio di Qualità illycaffè tra produttori del Brasile, Colombia, Costa Rica, El Salvador, Etiopia, Guatemala, India e Nicaragua.