Chi salverà le piantagioni di caffè? Una lumachina

13600

 Forse sarà una lumaca a mettere in salvo le piantagioni di caffè del Centro e Sud America. Proprio così: gli scienziati hanno individuato una precisa specie di lumaca che si nutre della ruggine del caffè, un fungo pericolosissimo per le piantine del caffè e che sta provocando dei danni enormi alle coltivazioni.

Ecologia di sistema
La scoperta si deve proprio a osservazioni sul campo: i biologi hanno notato che a Porto Rico le piantagioni avevano molti meno problemi legati alla ruggine. Hanno quindi evidenziato che la “responsabile” di questo positivo effetto è la chioccola della specie Bradybaena similaris, che sembrava nutrirsi proprio delle spore del fungo. Un test in laboratorio h confermato l’ipotesi: questi animaletti, in sole 24 ore, riuscivano a consumare il 30% della ruggine dalle foglie, lasciandole intatte. La ricerca è stata poi pubblicata sulla rivista Ecology. L’indicazione, in ogni caso, è chiara e forte, come ha dichiarato al New York Times una delle scienziate del team, Ivette Perfecto: “Piuttosto che affidarci esclusivamente all’impiego di pesticidi, dobbiamo concentrarci sull’ecologia del sistema. Si tratta di mantenere un ecosistema sano con un’alta diversità di nemici naturali”.