Caffeina, come tenerla sotto controllo

16620

Diciamo la verità: il caffè è buonissimo, è fondamentale per iniziare la giornata con il piede giusto, è perfetto per un dopo-pasto di soddisfazione e per una merendina a metà pomeriggio… fatto sta che rischiamo di berne troppo. O meglio, rischiamo di assumere troppa caffeina, anche perché questa sostanza è “nascosta” in tantissimi altri alimenti e bevande.

Quanta caffeina?
Gli studi più recenti affermano che un adulto in buona salute può consumare fino a 400 milligrammi di caffeina al giorno: la classica tazzina di espresso italiano, giusto per avere un’idea di misura, ne contiene fra i 50 e gli 80 milligrammi circa. Che diventano molti di più se si prediligono i caffè di tipo americano.

Oltre il caffè
Ma, come dicevamo, la caffeina è presente – anche in dosi massicce – in altri alimenti e addirittura in alcuni farmaci. L’informazione è utile per calcolare la quantità massima di caffeina da assumere durante la giornata, compresa quella proveniente da extra-caffè. Ad esempio, una bottiglietta di Coca Cola da 0,35 ml circa contiene più meno 34 milligrammi di caffeina, una di Pepsi 38. Una lattina di una bevanda energetica, come la Red Bull, ne totalizza ben 80 milligrammi. Contengono caffeina anche il cacao (100 grammi di cioccolato fondente circa 43 mg), e pure il tè.

“Quindi, attenzione al conteggio generale!