Caffè, ma quanto tempo ci vuole?

2607

Tutto nella vita è questione di gusti (e di abitudini). Il caffè non fa eccezione. Non solo c’è chi lo vuole lungo, corto, ristretto, macchiato (freddo o caldo), al vetro, dolce o amaro. C’è poi tutta la “filosofia” del come. Sì, perché c’è un mondo di differenza tra un caffè bevuto al bar e uno a casa. E, in quest’ultima categoria, tra un caffè fatto con la moka o utilizzando cialde, capsule o con la macchina automatica, che macina istantaneamente i chicchi.

Ad ognuno il suo rito
Per chi sceglie la preparazione e il consumo a casa, i fattori determinanti sono praticità e costo. Aspetti importanti, certo, anche se nel caso del caffè – un rito oltre che una bevanda – alla resa dei conti gli elementi in grado di fare la differenza sono i gesti e i tempi, non la differenza di qualche euro a fine mese. Avete presente cos’è preparare la moka, metterla sul fuoco e aspettare, rispetto all’inserire una capsula e bere il caffè? Questione di visione del mondo, di carattere. Ma, a proposito, quanto ci vuole a fare un caffè? Per rispondere abbiamo consultato la ricerca eseguita dal portale qualescegliere.it. In estrema sintesi, le soluzioni migliori per chi vive con il piede sull’acceleratore e non ama aspettare sono le macchine che funzionano a cialde o a capsule. Entrambe garantiscono un ottimo caffè in meno di un minuto e sono molto poco esigenti in termini di pulizia e manutenzione. Oltre ad eliminare cialde e capsule utilizzate, l’unica altra azione richiesta – con periodicità diversa in base alla durezza dell’acqua utilizzata – è quella di effettuare ogni tanto un ciclo di decalcificazione per eliminare i residui di calcare dal serbatoio dell’acqua e dal meccanismo interno.

Dai tempo al tempo
Per chi invece apprezza il caffè in tutte le sue fasi, compresa la preparazione e l’attesa, c’è l’intramontabile di moka, che richiede di essere lavata ad ogni utilizzo e di essere riposta perfettamente asciutta. Il tempo di preparazione varia in base alla dimensione della moka (ovvero alla quantità di acqua presente), ma anche in base al tipo di cucina: più rapido con il gas e più lento con piano di cottura elettrico. Una moka da 3-4 tazze impiega tra i 5 e i 10 minuti per produrre il caffè. Vi piace preparare la caffettiera ma siete comunque tipi sprint? Il compromesso allora può essere la moka elettrica, sempre moka, ma in grado di produrre l’agognata bevanda in meno della metà del tempo.