Caffè italiano, salvo dalla scure dei dazi Usa

12696

“Accogliamo con favore la decisione del Governo statunitense di non appesantire ulteriormente le aziende italiane che esportano simboli del Made in Italy come pasta, biscotti e caffè – ha detto ad Askanews  Riccardo Felicetti, Vicepresidente di Unione Italiana Food e presidente dei pastai italiani –. Non possiamo tuttavia abbassare la guardia: gli Usa si sono riservati di rivedere la lista all’indomani della imposizione dei dazi da parte UE e di condurre un’ulteriore revisione ad agosto 2020”.

Stati Uniti, mercato strategico
In particolare gli Stati Uniti rappresentano un mercato strategico per i prodotti alimentari made in Italy: le esportazioni dei prodotti – caffè compreso – che hanno “schivato” i dazi ammontano a un valore complessivo  di circa 3 miliardi. Un’ottima notizia per i produttori di caffè, prodotto sul quale l’Italia ha un posizionamento di primo piano nel mondo. D’altronde che il caffè di casa nostra sia un’autentica eccellenza è cosa nota!