Caffè e salute, in Europa gli italiani sono quelli che ne sanno di più

1714

Gli europei amano il caffè ma ne conoscono poco le preziose proprietà per la salute, con l’eccezione degli italiani. Tra i nostri connazionali, infatti, circa il 50% dichiara di consumare la bevanda, oltre che per piacere, per ricavarne benefici per la salute. È la conclusione dello studio europeo eseguito da Coffee&Health, un istituto per l’informazione scientifica sul caffè che ha analizzato quanto e come gli abitanti del Vecchio Continente sono consapevoli delle reali proprietà della tazzina.

Il caffè per la prevenzione

In particolare, sono stati quattro gli aspetti maggiormente indagati: il legame tra caffè e prevenzione del diabete 2, quello con l’Alzheimer e il Parkinson e quindi la relazione con le prestazioni mentali e con le malattie cardiache.

In base ai dati raccolti da Coffee&Health, la proprietà benefica del caffè maggiormente ignorata dagli europei è la capacità di contribuire alla prevenzione del diabete di tipo 2. Secondo il 71%, infatti, non c’è relazione tra l’abitudine di bere caffè e l’aumento della possibilità di non ammalarsi. Invece, gli studi scientifici dimostrano che le persone che assumono 3-4 tazzine al giorno riducono del 25% il rischio di contrarre il diabete di tipo 2. Gli europei sembrano anche molto poco informati sul contributo del caffè nel tenere alla larga Alzheimer e Parkinson. In base alle ultime ricerche, il consumo durante la vita di 3-5 tazze di caffè al giorno riduce la possibilità di ammalarsi di Alzheimer del 20%, con una riduzione sensibile anche per quanto riguarda il Parkinson. Ma ben il 63% ignora questo effetto. E va ancora peggio con le malattie cardiache. Addirittura il 42%, infatti, pensa che bere caffè sia un fattore di rischio, mentre gli studi dimostrano che il consumo di 3-5 tazzine di caffè al giorno svolge un fattore protettivo sul cuore e sulle arterie coronariche, evitando l’accumulazione di calcio.

“Invece, gli europei (per l’esattezza il 79%) sono consapevoli del fatto che il caffè contribuisce positivamente all’attenzione.”

Secondo l’European Food Safety Authority EFSA, basta la caffeina contenuta in una tazzina di caffè per ottenere questo effetto benefico.