Caffè e… I trucchi della colazione perfetta 

6733

Per le sue proprietà energizzanti, il caffè è uno degli ingredienti più comuni e più preziosi della prima colazione. Ma da solo non basta, proprio no, per garantire una partenza senza cali di concentrazione e produttività. 

Per essere corretta, la prima colazione deve fornire infatti il 20% dell’apporto calorico della giornata, ma soprattutto essere bilanciata sul fronte dei nutrienti, visto che è il pasto che viene dopo il più lungo periodo di digiuno, la notte. 

Una ricetta passepartout
Per garantire il giusto apporto di carboidrati, proteine, sali minerali e vitamine, il consiglio è quello di abbinare yogurt con cereali, frutta fresca e frutta secca. In questo modo, si affronterà la giornata con la giusta energia e la giusta carica di potassio, magnesio, fosforo e antiossidanti. Senza dimenticare, ovviamente, un buon caffè (la sua capacità di “risvegliare” il metabolismo è particolarmente importante al mattino) e almeno 10 g di cioccolato fondente amaro, con preziose proprietà antiossidanti e antidepressive. 

Se caffè, yogurt con cereali e frutta fresca e secca sono la ricetta passepartout, valida per tutti, sono infinite le possibilità di apportare modifiche utili alle proprie necessità e caratteristiche. Ricordando sempre che la varietà è la prima regola. Chi soffre di intestino pigro, o vive un momento di particolare nervosismo, può scegliere di sposare lo yogurt con l’avena, cereale leggermente lassativo e con proprietà rilassanti. Se invece gli esami del sangue evidenziano il colesterolo alto, è meglio preferire yogurt magro e pistacchi, in grado di abbassare questo valore e di conseguenza il rischio di malattie cardiovascolari. 

La colazione buona e sana, poi, cambia con il cambiare della stagione, per consentire di consumare sempre frutta di stagione, e in base alle necessità caloriche della giornata (un conto sono 8 ore in ufficio, altro una maratona). Tutto può cambiare e si deve cambiare, insomma. Tranne il caffè, ovviamente…