Caffè (e cappuccino) matcha, il caffè che in realtà è un thè

16948

L’ultima passione degli amanti del cibo healty è proprio lui, il matcha. Lo si ottiene da alcuni tipi di foglie di tè verde che vengono raccolte a mano, cotte a vapore, fatte essiccare e poi polverizzate in modo da ottenere una polvere così sottile da avere la stessa consistenza della cipria, per l’esattezza di 5/10 micron. È un thè a tutti gli effetti, ma in alcuni locali di moda viene proposto anche come caffè, a fine pasto e volendo pure in tazza piccola (anche perché è una bomba in termini di proprietà eccitanti e per questo viene usato dai monaci buddisti per restare svegli durante le meditazioni notturne). Altra affinità con la nera bevanda (a proposito, il matcha conferisce invece una bellissima tinta verde) è quella di poter essere utilizzata come una specie di caffè solubile: basta mescolare in acqua molto calda un cucchiaino di povere, e poi mescolare, per ottenere un preparato omogeneo e uniforme.

Un pieno di straordinarie proprietà
A parte il gusto per la novità, il Latte Matcha (anche così si chiama questo “cappuccino”) e il “caffè” matcha sono richiesti per le straordinarie proprietà. Queste bevande sono infatti straordinariamente ricche di polifenoli in grado di combattere l’invecchiamento cellulare, vitamine, sali minerali, clorofilla e carotene. Infine, sono ottime le proprietà drenanti, di riduzione del senso di fame e soprattutto dello stress fisico e mentale, grazie alla presenza di L-teanina.