Caffè all’aperto, le regole per servirlo

4532

Vacanze, tempo libero, amici, caffè. Mettendo insieme il tutto, ecco il necessario per uno dei lussi dell’estate, il caffè all’aperto. Date le temperature torride, la prima regola è quella di individuare un posto all’ombra, anzi all’ombra già nelle ore precedenti (in questo modo risulterà più fresco), e quindi a Ovest se il caffè viene servito al mattino e ad Est se il coffee time scatta nel pomeriggio. Non disponete di tanta scelta? Fate il possibile per ombreggiare con tende e ombrelloni.
Attenzione numero due (i vostri ospiti ve ne saranno grati): no agli arredi di plastica, che impediscono la traspirazione e aumentano la sensazione di caldo. Se sul balcone, in giardino o sul terrazzo non c’è altro, si può rimediare mettendo sulle sedie cuscini in cotone o comunque in materiali naturali, da scegliere anche per la tovaglia.

Coffee time versione estiva
Sulle regole per servirlo (chi mette lo zucchero nella tazzina, come si tengono tazzina e piattino, come si usa il cucchiaino, cosa proporre in abbinata) vi abbiamo già detto tutto. Ma per la versione estate ci sono indicazioni particolari, a iniziare dal lasciare sempre a disposizione degli invitati acqua fresca, se possibile con ghiaccio e qualche fettina di limone. Come è noto, infatti, il caffè ha anche proprietà diuretiche, che con il caldo dell’estate rendono obbligatorio servirlo sempre in abbinata con l’acqua. L’aggiunta del limone contribuisce a rendere la bevanda più fresca e ad esaltare ulteriormente il sapore del caffè (l’unione limone e caffè è ormai approvata dai food lovers, e non solo per il mal di testa). Last but not least, i classici biscottini possono essere sostituiti, o affiancati, da una selezione di frutta tagliata, anche su piccoli spiedini. 

Non solo il limone, ma anche la frutta in generale non è più tabù con il caffè.