Ad Aosta, un caffè con Rocco Schiavone

1478

Se lo conosci, non puoi non amarlo: è il vicequestore Rocco Schiavone, romano de Roma ma trapiantato in una bellissima (anche se non altrettanto apprezzata) Aosta. Il protagonista dei romanzi di Antonio Manzini è diventato anche il personaggio principale dell’omonima fiction su Rai 2. E, per chi l’ha letto o visto, Schiavone si aggira – con le sue immancabili Clark ai piedi – tra le strade di Aosta, fermandosi spesso a prendere un caffè, o fare colazione, in un elegante bar sotto i portici.

Caffè Nazionale diventa un set
La location dove il vicequestore interpretato da Marco Giallini consuma un’infinità di caffè esiste davvero, ed è il Caffè Nazionale nella centralissima Piazza Chanoux. Il locale è già stato scelto come set, fin dagli anni Trenta: proprio qui girarono delle scene don i divi dell’epoca, Amedeo Nazzari e Alida Valli. E si dice che anche Ava Gardner lo frequentasse e qui tenesse degli incontri galanti. Più romanzesco di così…