A Palermo il primo raccolto di caffè made in Sicily

15718

 Quando si dice il cambiamento climatico. Ne parliamo a proposito dello scioglimento dei ghiacciai, dell’innalzamento delle temperature medie, di perturbazioni sempre più imprevedibili e devastanti, con conseguenze drammatiche per la popolazione e le coltivazioni. Ma dobbiamo parlarne anche a proposito di nuove coltivazioni di caffè, come quella che vede la luce in Sicilia, dove si trova in assoluto la produzione più a nord del mondo. Ad annunciare la prima mini-produzione, al momento di valenza più cultural-didattica che commerciale, è Andrea Morettino, sales and marketing manager dell’azienda e quarta generazione di torrefattori di Palermo.
“Questa piantagione sperimentale è un sogno – ha detto Morettino al Giornale di Sicilia – che si è realizzato nel giardino della nostra fabbrica museale e scuola del caffè, a San Lorenzo ai Colli. Frutto della collaborazione con l’Orto botanico di Palermo, che, per l’area coloniale, importò un secolo fa semi dall’Etiopia. Da quei semi, insieme all’Università di Palermo, quest’anno abbiamo avuto un raccolto straordinario di Arabica a km 0”. Le latitudini, ovviamente, sono molto diverse da quelle dei Tropici e ci vorranno anni e anni per farne un progetto commerciale, ma il sogno è diventato realtà, con la prima piantagione all’aperto di caffè in Sicilia e drupe locali.

Caffè a km 0
“Fino ad oggi – dice ancora Morettino – abbiamo portato avanti attività didattiche e formative, con un dialogo aperto con l’Orto botanico e l’Università di Palermo. Nel mondo sono state classificate 124 varietà di caffè, tra le più note Arabica e Robusta, e sogniamo di aggiungere presto una coltura nativa siciliana alle classiche colture che crescono tra il Tropico del Cancro e quello del Capricorno. Vogliamo lavorare a un progetto di un caffè a km 0, a basso impatto ambientale, con una produzione sostenibile di una selezione di caffè siciliano che porti al recupero di serre abbandonate e incentivi un ritorno dei giovani alla terra”.

Foto: morettino.com